LA MAGIA DEL NATALE DI AMA CALABRIA

Continua l ‘arte del presepe a Squillace con l’Associazione AMA  Calabria che ha avviato un Corso di presepistica artigianale attivo fino al 15 dicembre.
Il progetto è motivato dalla certezza di offrire un’ulteriore opportunità a tutti coloro che vogliono vivere momenti d’incontro e confronto, dove le  conoscenze si sommano alle abilità ed allo scambio. Lo scopo del laboratorio è inclusivo di ragazzi e/o anziani che attraverso il fare scambiano generosamente le conoscenze.

La tradizione popolare natalizia L’idea del progetto, è nata  dalla consapevolezza che la nostra cittadina ha sempre avuto una attenzione particolare nel celebrare le feste natalizie con numerose manifestazioni  legate sia alla tradizione religiosa che a quella popolare. I giovani del Servizio Civile della Proloco di Squillace hanno collaborato per la realizzazione del progetto.
Ricordiamo la  spettacolare manifestazione della “Cavalcata dei Re Magi” che si è svolta a distanza di 50 anni dalla prima edizione  e che ha coinvolto centinaia di figuranti interessando tutte le contrade del paese.
La presenza  delle botteghe artigiane di terracotta e dell’ Istituto d’arte mantengono viva nel tempo la tradizione del presepe che non si è mai spenta e che ininterrottamente ha continuato a vivere anche nelle nuove generazioni.

Un ricordo del passato
Un artista presepista  presente a Squillace fino agli anni 70, Peppino Riey detto “ u Signura”, è diventato famoso proprio per la creatività che esprimeva nella costruzione dei presepi, tutti con personaggi creati rigorosamente in creta , tanto che nell’ultimo anno di attività riesce ad esportare circa 50 presepi in Svizzera, commissionati per la maggior parte da emigranti calabresi.

Il presepe oggi
Oggi è presente a Squillace un Museo del presepe, visitabile senza oneri, frutto della passione e tenacia del signor Vincenzo Gallo il quale da circa  50 anni  può vantare una vasta collezione di presepi  provenienti da tutte le parti del mondo, costruiti con materiali diversi e che vanno dal microscopico presepe di pochi centimetri a quello molto più grande ed esteso. Ancora oggi nelle nostre case viene allestito il presepe e nella notte di Natale viene deposto il Bambin Gesù dopo che tutta la famiglia ha osservato il rito del “ Bacio del Bambino”, mentre il giorno della Epifania vengono inseriti i personaggi dei  Re magi.

Valorizzazione delle tradizioni E’ doveroso da parte dell’Associazione AMA Calabria contribuire a mantenere viva questa tradizione proponendo un corso di presepistica. Hanno aderito al progetto bambini ma soprattutto anziani, con la voglia di stare assieme, la Maestra Ersilia Riey ed il maestro Franco Settembrino hanno creato un’officina  attrezzatissima. La  condivisione di uno spazio laboratoriale ha intensificato  gli scambi comunicativi e le relazioni anche generazionali, mettendo a  confronto le rispettive competenze. Sono stati utilizzati molti materiali, la maggior parte di riciclo.
Le conoscenze e le abilità hanno coinvolto i partecipanti contribuendo tutti alla creazione di 14 presepi bellissimi dove la creatività e l’amore si sono fusi per fare un’opera d’arte.
I nostri presepi sono la sintesi di una filiera  che  a partire dai maestri coinvolge famiglie che vivono la disabilità, volontari assidui o  occasionali, ma soprattutto persone della nostra bellissima comunità Squillacese.  

L’Associazione AMA Calabria alle Terme Luigiane per sostenere il benessere delle persone

L’Associazione AMA Calabria, con sede a Squillace, dall’anno  2004  a tutt’oggi promuove programmi  e progetti finalizzati al  sostegno delle fragilità e del disagio con particolare riferimento alla salute in tutte le sue forme: lotta contro lo stigma, sostegno alle famiglie fragili, ai caregiver ed alla persona portatrice di disagio.
Le famiglie incontrandosi presso l’Associazione AMA Calabria, attraverso percorsi di auto mutuo aiuto, hanno creato e rafforzato  un legame importante tra di loro, tanto da trascorrere insieme momenti conviviali e ad essere presenti reciprocamente nel momento del bisogno.
Le famiglie davanti alla patologia, spesso incontrano difficoltà con le istituzioni per mancanza di referenti sul territorio e lo scopo dell’Associazione è proprio quello di favorire percorsi di facilitazione rispetto ai loro bisogni. Dalla valutazione dei bisogni emerge anche  la necessita’ di creare opportunità di svago e di benessere.
In quest’ ottica è stata organizzata una giornata alle Terme Luigiane. Il gruppo di 40 partecipanti è composto da persone con fragilità, accompagnate dalle relative famiglie. I partecipanti sono  supportati dai volontari dell’Associazione AMA Calabria e dal gruppo delle tessitrici che attualmente aderiscono al progetto di formazione,  allo scopo di favorire l’integrazione e creare occasioni di relazioni e di incontro sociale.
La giornata, molto intensa si è svolta all’insegna della gioiosità e dell’allegria, non sono mancate anche le leccornie proposte amorevolmente dalle mamme.
I responsabili della struttura del parco termale delle Terme Luigiane hanno accolto con simpatia e generosità tutti i partecipanti, offrendo anche dei trattamenti  per la persona. Il relax  presso le piscine,  il pranzo, i trattamenti di benessere,  il viaggio in autobus, hanno creato tanti momenti di risate, di conoscenza reciproca, di serenità. Tutti al rientro hanno espresso i ringraziamenti e la voglia di ripetere queste opportunità per stare insieme e affrontare l’isolamento che spesso vivono  le famiglie portatrici di disagio.  

Selezionati 7 progetti di recupero degli antichi mestieri: a Squillace e Girifalco rivive tradizione della tessitura a telaio

Roma – Sette progetti per contribuire alla crescita sociale ed economica delle aree interne del Mezzogiorno, recuperando antichi mestieri e tradizioni e favorendo l’inclusione sociale e lavorativa di persone in difficoltà.
Sono quelli selezionati attraverso il bando “Nel cuore del sud” promosso da Enel Cuore, la onlus del Gruppo Enel, e Fondazione Con il Sud, e rivolto alle organizzazioni del terzo settore di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia. Le iniziative selezionate saranno finanziate con 1,5 milioni di euro e favoriranno percorsi di accompagnamento all’autonomia di persone con fragilità o a rischio marginalità e disagio, promuovendo la valorizzazione delle vocazioni e delle eccellenze delle aree interne meridionali come il turismo, l’artigianato, l’agricoltura e l’enogastronomia (1.472 comuni su un totale di 2.116).
“Lanciando il bando “Nel Cuore del Sud” abbiamo voluto supportare le realtà che rendono il nostro meridione un’eccellenza per il Paese e oggi ne celebriamo i risultati con soddisfazione” ha dichiarato Michele Crisostomo, Presidente di Enel e di Enel Cuore Onlus “I progetti selezionati rappresentano il meglio della nostra tradizione e fondono perfettamente i valori dell’inclusione e dell’innovazione, essenziali per rilanciare il Sud Italia e l’intero Paese.
Il momento storico che stiamo vivendo richiede più che mai unità di intenti ed è per questo che non possiamo permetterci di lasciare indietro nessuno, in particolare quelle persone che vivono in condizioni di disabilità e fragilità e di emarginazione sociale ed economica”.


“Questi progetti ci dimostrano qualcosa di molto importante: che anche i luoghi più piccoli, lontani, dimenticati del nostro Mezzogiorno, spesso totalmente sottovalutati e abbandonati a malincuore dai giovani, hanno tanto da offrire se si creano le occasioni giuste”, ha dichiarato Carlo Borgomeo, Presidente della Fondazione Con il Sud. “Gli antichi mestieri, le tradizioni locali, le specificità agricole e alimentari di un territorio possono diventare occasioni di riscatto economico e sociale. Possono essere opportunità di coesione sociale e, dunque, di crescita. E’ da qui che si può generare una vera rinascita per questi luoghi”.
I progetti permetteranno il recupero di antichi mestieri e tradizioni che rischiano di scomparire, dalla costruzione dei muretti a secco (Casarano, provincia di Lecce) alla lavorazione artigianale dei libbani (Maratea, provincia di Potenza), corde vegetali prodotte a partire dall’intreccio dell’erba spontanea ‘tagliamani’; dalla tessitura a telaio per la realizzazione di una nuova linea di abbigliamento femminile con filati naturali (Squillace e Girifalco, provincia di Catanzaro) all’intreccio di fibre naturali (valle del Cedrino, provincia di Nuoro) come la tifa – una pianta palustre che cresce spontaneamente lungo i fiumi – per la realizzazione, in sostituzione della plastica, di oggetti di arredo; all’avvio di una sartoria sociale (Galatina, provincia di Lecce) in un bene confiscato, valorizzando l’antico mestiere della sarta e ricamatrice salentina, reinterpretando saperi e tecniche di un tempo attraverso le tecnologie moderne.
Si prevede poi la valorizzazione di alcune tipicità dei territori, dal fagiolo cannellino suscieglio (Sessa Aurunca, provincia di Caserta) ai cereali e legumi dell’alta Murgia (Spinazzola provincia Barletta-Andria-Trani), che saranno trasformati in prodotti per persone con patologie alimentari come la celiachia e il diabete.

IL LAMETINO.IT

Il passato si unisce al presente attraverso “la trama e l’ordito” per intrecciare luoghi, persone ed emozioni.

L’Associazione AMA Calabria in collaborazione con la Fondazione Ponterio  e con l’ Arsac Calabria promuove un  “ Corso di tessitura al telaio”. L’Associazione ha acquistato 5 telai verticali  a quattro licci perché sono quelli più indicati per l’abbigliamento ma naturalmente possono essere destinati anche alla creazione di tovaglie, asciugamani, cuscini, lenzuola, coperte ecc…

La condivisione di questo progetto nasce da un gruppo di persone, soprattutto donne, molte appena in pensione. Alcune di loro ancora nitidamente ricordano le nonne o altre donne al telaio, anche  nelle nostre case a Squillace. Forse il ricordo o il bisogno di stare assieme nell’età della saggezza, ci spinge a fare ed a voler tessere i nostri luoghi, le nostre emozioni e le nostre storie  dando vita ad un tela  con la “trama e l’ordito”.  L’Associazione propone un’esperienza nuova, con lo scopo di favorire anche momenti di incontro,  a cui timidamente invitiamo altre persone a prendere parte,  per regalarsi del tempo, per poter tessere con colori definiti e certi le emozioni più belle di una tessitura durata una vita, breve o lunga che sia!!! 

Il presente progetto nasce con la finalità di produrre e favorire, accanto ad un percorso culturale e formativo  anche, un processo di inclusione sociale, attraverso lo sviluppo di  relazioni interpersonali nuove, in un contesto sano  e socializzante. 

Si intende abbinare la valorizzazione delle antiche tradizioni all’accoglienza di turisti locali e non, anche con figli portatori di disagio per trascorrere una giornata tra il passato e il presente, con l’accoglienza che contraddistingue la Calabria. Si offre loro la possibilità di avere accoglienza   e sperimentazione di attività pratico manuali sicuramente nuove nel nostro contesto.     E’ un’opportunità che potrebbe  contrastare  la dispersione dei giovani calabresi suscitando, attraverso il coinvolgimento,  interessi nuovi verso la valorizzare  delle attività locali.

Corso di tessitura al telaio a quattro licci

Il passato si unisce al presente attraverso “la trama e l’ordito” per intrecciare luoghi, persone ed emozioni.

L’Associazione AMA Calabria, in collaborazione con la Fondazione Ponterio  e con l’ Arsac Calabria promuove un  “ Corso di tessitura al telaio”.
L’Associazione ha acquistato 5 telai verticali  a quattro licci perché sono quelli più indicati per l’abbigliamento e la creazione di tovaglie, asciugamani, cuscini ecc….
Il progetto è condiviso da un gruppo di persone, soprattutto donne, alcune giovani ed altre appena in pensione.
Alcune di loro ricordano ancora nitidamente le nonne o altre donne al telaio che era presente anche  nelle nostre case a Squillace.
Molti ricordi ci spingono a stare assieme nell’età della saggezza e a tessere i nostri luoghi, le nostre emozioni e le nostre storie  dando vita ad un tela  con la “trama e l’ordito”.  L’Associazione propone un’esperienza nuova a quanti vorranno apprendere questa arte antica. E’ bello regalarsi del tempo per poter tessere con colori definiti e certi le emozioni più belle di una vita tessuta, breve o lunga che sia!!!  

L’Emporio solidale dell’Associazione AMA Calabria di Squillace

L’Associazione AMA Calabria , davanti alla grave difficoltà economica evidenziata dalla pandemia. ridefinisce i propri  obiettivi aiutando una nuova fascia di persone, soprattutto giovani.  Accanto alla gestione del Banco Alimentare che assiste  circa 50 nuclei familiari, si sta incrementando anche l’Emporio Solidale. Il nostro comprensorio è molto sensibile ed attento ai bisogni delle famiglie che vanno considerati con grande rispetto.  Grazie alla  partecipazione ed alla collaborazione  di numerose persone, attente ai bisogni dei bambini in diffilcoltà, abbiamo creato  il nostro Emporio Solidale fornito di  abbigliamento e  giocattoli per l’infanzia.  Donare un vestitino del proprio bambino porta a chi lo riceve affetto e tanto amore. L’Emporio di Squillace è gratuito ed è gestito dai volontari dell’Associazione che si occupano all’approvvigionamento, allo smistamento,  fino alla consegna degli articoli alle famiglie. L’Associazione AMA Calabria intende rispondere con  tanta passione  e spontaneità, ma soprattutto con grande consapevolezza e responsabilità al compito istituzionale che la caratterizza  a partire dall’anno 2004. Le porte della Sede sono aperte e si conta sulla collaborazione di tante persone. La collaborazione può essere occasionale o costante e l ‘Associazione è  comunque una risorsa sociale  di incontri  e di scambio relazionale  e non solo materiale.  La co-programmazione e la co- progettazione caratterizzano le nostre attività.   Tutti potranno sperimentare un senso di appartenenza  e contribuire  attraverso la donazione  di un po’ del proprio tempo per l’attività associativa!!!

Nello spirito della nostra Associazione eleviamo i calici con OSTRAKON

 Una bottiglia di OSTRAKON non contiene solo vino….

 L’Associazione  AMA Calabria di Squillace programma le attività sul territorio  con la finalità di creare e/o favorire percorsi  d’inclusione sociale e di  risocializzazione per superare ogni stigma che porta alla solitudine. Siamo arrivati alla fase dell’imbottigliamento e dell’etichettatura del vino. Tre giornate di intenso lavoro per realizzare il nostro prodotto di qualità, è gustoso, ci piace e siamo tutti fieri del nostro lavoro. La confezione si può anche personalizzare. Il nostro motto è: Ostrakon è un vino dal sapore solidale e nel tempo diventa pregiato perché esalta il gusto dei  valori.  E’ un vino per pochi, per quelle persone che assaporano l’amore di chi lo produce.

Coordinamento Associazioni Salute Mentale

Il CASM dice no al trasferimento di Psichiatria a Lamezia

23 Novembre 2020News in evidenza homeNotizie dalle associazioni Pubblicato da: Segreteria

I SOGGETTI CON DISAGIO PSICHIATRICO NON SONO PEDINE DA SPOSTARE COME NEL GIOCO
DEGLI SCACCHI: è ora di pensare con responsabilità e attenzione anche all’integrazione delle cure e dei trattamenti per la salute mentale negli ospedali. Solo poche righe a firma Luana Costa pubblicate ieri su www.lacnews24.it hanno informato la collettività, il personale sanitario interessato, le amministrazioni locali e, per finire, “quelli” che
evidentemente sono considerati meri ospiti, circa una importantissima decisione, naturalmente che
non si può condividere, assunta dal collegio di direzione dell’AO Pugliese-Ciaccio del Capoluogo di
Regione.
Nel flash informativo si legge, infatti, che i direttori di dipartimento hanno deciso collegialmente il trasferimento del servizio psichiatrico di diagnosi e cura dalla sede ospedaliera Pugliese-Ciaccio all’analogo servizio presso l’ospedale di Lamezia Terme, che a quanto è dato sapere, a prescindere da ogni considerazione, non sembra avere la capacità di accoglienza prevista per legge, atteso che il numero complessivo dei posti letto è individuato tendenzialmente nella misura di uno ogni 10.000 abitanti e che ciascun SPDC, dotato di adeguati spazi per le attività comuni, non può contenere più di 16 posti letto.
Su questa decisione il CASM (Coordinamento associazioni di volontariato per la salute mentale) che rappresenta le associazioni in calce specificate, pur comprendendo la gravità dell’emergenza epidemiologica non può che stigmatizzarne il metodo decisionale e pretendere che vi sia una attenzione focalizzata sui bisogni degli utenti e dei familiari gravati dalla malattia mentale, sul trend di crescita di questi bisogni proprio a causa della pandemia, nonché sul rispetto dei diritti delle persone ammalate e della normativa vigente.
Torna infatti utile ricordare che le linee di indirizzo nazionali, che hanno trovato conferma nelle linee guida regionali, stabiliscono in via generale che il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC) è un servizio ospedaliero dove vengono attuati trattamenti psichiatrici volontari ed obbligatori in condizioni di ricovero ma anche attività di consulenza agli altri servizi ospedalieri e che tale servizio deve essere ubicato all’interno delle strutture ospedaliere sede di D.E.A. (Aziende ospedaliere, Presidi ospedalieri di Aziende sanitarie, Policlinici universitari).
Alla luce di quanto esposto e in considerazione non solo dell’ipotesi da più parti sostenuta dell’apertura di un centro Covid presso Villa Bianca, ma anche della disponibilità del reparto malattie infettive dello stesso ospedale di Lamezia Terme, le associazioni aderenti al CASM, che rappresentano familiari e utenti affetti da disagio mentale, chiedono con forza, non solo che sia riesaminata l’ipotesi di trasferimento del SPDC presso l’ospedale di Lamezia Terme, ma soprattutto che, superata questa fase di grave emergenza sanitaria, venga posta tra le priorità dell’AO la collocazione di detto servizio in ambienti idonei a tutelare permanentemente i diritti delle persone ammalate.
Rosaria Brancati
Elenco associazioni CASM
1. AMA CALABRIA, Presidente Rosa Conca;
2. AVE-AMA, Presidente Anna Cristallo.
3. DON PELLICANÒ, Presidente Giacomo Coluccio
4. FIORI DEL DESERTO, Presidente Palma Labella
Contatti: presidenza.casm@gmail.com – segreteriacasm@gmail.com CF-97091930798
5. INTESE, Presidente Pasquale Gaetano;
6. LIBELLULA – AFASP, Presidente Natalia Barillari;
7. MUSICAmi, Presidente Francesca Rubettino;
8. NEW DAY ONLUS, Presidente Maria Gigliotti;
9. NEW HELP, Presidente Mario Rizzo.
10. PROGETTO ITACA CATANZARO-LAMEZIA, Presidente Pasquale Gaetano;
11. SAN PIETRO E PAOLO, Presidente Antonio Mangiafave;
12. SINCRONIE, Presidente Renato Nunnari
13. STRADA FACENDO, Presidente Lidia Rizza;
14. VELE DI ULISSE, V. Presidente Bernardo Grande;
15. VOLARE SENZA ALI, Presidente Giuseppe Mazzitelli;

Emporio solidale : un gesto d’amore

L’Associazione AMA Calabria in collaborazione con la Protezione Civile con sede a Squillace, ha esteso l’attività di sostegno ad altre famiglie del comprensorio che, a causa della perdita del lavoro per via del Coronavirus, vivono particolari situazioni di vulnerabilità e di difficoltà economica. Attraverso la fattiva creazione di un rapporto di Rete tra le Associazioni territoriali e la collaborazione con l’Assessore ai servizi sociali del Comune, si cerca si dare una risposta concreta ai bisogni delle fasce deboli. In questo periodo nella sede dell’Associazione AMA Calabria, la distribuzione del Banco Alimentare si accompagna alla consegna di abbigliamento per grandi e bambini e ad un ricco assortimento di giocattoli. Il riuso di beni crea un circolo responsabile che diventa un gesto di amore tra chi da e chi riceve. E’ come dire ad altri non siete soli.! Non è tempo di sprechi !! All’ingresso adiacente al Banco alimentare si è creato, con la generosità di molti, una sorta di ” Emporio solidale ” , dove i beneficiari possono scegliere in base ai loro bisogni ed a quelli dei propri bambini. A supporto delle spese per il prelievo e la distribuzione delle derrate alimentari SIFEAD,consegnate dal Banco Alimentare di Catanzaro, si riceve il contributo della Fondazione Paolo Ponterio Vallo di Borgia( CZ) e della Gioielleria Megna di Catanzaro lido. Per molte persone, il sostegno materiale spesso si accompagna ad un percorso di inclusione e di socializzazione. All’interno della stessa Associazione, miracolosamente proprio chi riceve beni alimentari alcune volte aiuta allo smistamento ed alla distribuzione, facendo proprio questo nuovo ruolo, divenendo donatore e gestore di beni primari da distribuire ad altri. Nel tempo la collaborazione attiva e generosa sviluppa un senso di appartenenza ad gruppo rinforzando la speranza al cambiamento.

Ostrakon ......non solo vino

Una bottiglia di OSTRAKON non contiene solo vino…

L’Associazione  AMA Calabria di Squillace programma le attività sul territorio  con la finalità di creare e/o favorire percorsi  d’inclusione sociale e di  risocializzazione per superare ogni stigma che porta alla solitudine. Nell’ambito delle attività svolte, anche quest’anno, abbiamo voluto portare avanti  la produzione del vino solidale Ostrakon. L’avvio di questo progetto risale al 2014, l’uva scelta viene coltivata da privati in un vigneto ubicato sulla collina di  Montepaone. Durante una giornata di vendemmia non si raccoglie solo l’uva ma sorrisi, chiacchiere, affettuosità. La vendemmia è un contesto sano  e gioioso che crea la possibilità di far incontrare “persone” di ogni posto, che allarga gli orizzonti e le opportunità. Ostrakon è un vino dal sapore solidale e nel tempo diventa pregiato perché esalta il gusto dei  valori.  E’ un vino per pochi, per quelle persone che assaporano l’amore di chi lo produce.